2013-2014

2013-2014    Norimberga – Campo di Flossenbuerg

La quinta edizione 2013-2014 del progetto “Essere cittadini europei. Percorsi per una memoria europea attiva” pone fortemente l’accento sulla necessità di condurre i giovani studenti alla riflessione non superficiale sui valori etici contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e sul tormentato e terribile percorso della storia del Novecento che ha portato alla loro genesi.

Soprattutto tale riflessione si impone ricorrendo il 70° anniversario della nascita della Resistenza Italiana e il primo centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, avvenuta in Europa e nell’Italia  nord-orientale nel 1914.

Per tutte queste ragioni, la Rete di Scuole Superiori ha scelto la città di Norimberga e il campo di concentramento di Flossenbürg, quali mete del XX° Viaggio della Memoria 2014.

NORIMBERGA

norimberga

Norimberga, che diede il nome alle leggi razziali promulgate dal Nazismo contro gli ebrei nel 1935, fu scelta come città-simbolo del trionfo del nazionalsocialismo attraverso la realizzazione di opere monumentali destinate a segnare perennemente la storia dell’umanità.

Ma Norimberga, dopo la sconfitta del nazismo e dei suoi alleati, divenne la città simbolo della nascita dei Diritti Umani. La celebrazione del Processo contro i principali criminali nazisti, responsabili delle atrocità compiute in nome di idee razziste e negatrici di qualsiasi valore di libertà, pose le basi per la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, approvata dall’Onu il 10 dicembre 1948.

Da lì ebbe inizio la creazione di un diritto internazionale che, benché incompiuto, ha permesso di celebrare processi contro Capi di Stato responsabili di crimini contro l’umanità, come quelli avvenuti nella ex Jugoslavia negli anni ’90.

KZ FLOSSEMBUERG

floss

Il granito e il marmo necessari all’architetto di Hitler, Albert Speer, per costruire le opere monumentali destinate a celebrare perennemente il Terzo Reich, provenivano dal lavoro disumanizzato e privato di qualsiasi dignità dei milioni di “schiavi” del sistema nazista, destinati a morire di fame e di stenti a causa del trattamento brutale a cui erano quotidianamente sottoposti dalle SS, loro aguzzini.

Il campo di Flossenbürg, poco noto, fu parte integrante di questo sistema, diventando uno dei luoghi più temuti dai deportati, politici e non solo.

Creato nel 1938 nell’Alta Baviera contemporaneamente al campo di Mauthausen (Austria), nei pressi del villaggio di Flossenbürg, a pochi chilometri dalla Repubblica Ceca, fu destinato dalle SS inizialmente allo sfruttamento delle cave di granito a vantaggio della DEST, società economica delle stesse SS.

Nel corso della sua storia, divenne, insieme al suo vastissimo sistema di 100 sottocampi, uno dei luoghi dove maggiori furono le sofferenze inflitte a decine di migliaia di deportati, tra i quali numerosi italiani ed anche cremonesi.

La terribile marcia della morte dell’aprile 1945 per l’evacuazione del campo costò la vita ad almeno 7.000 prigionieri.

Fu liberato il 23 aprile 1945 dai soldati americani. Difficile calcolare con precisione il numero dei deportati e il numero delle vittime, perché molta documentazione manca e molti prigionieri non furono registrati. Stime recenti parlano complessivamente di circa 100.000 deportati e di circa 30.000 vittime, tra cui oltre 3.000 italiani.

Anche il XX° Viaggio della Memoria condurrà ancora una volta i giovani cremonesi nel cuore di un’Europa che fu testimone di un’umanità che non esitò a scegliere di combattere per la nostra libertà o che fu vittima innocente di un sistema di sterminio per creare un nuovo ordine europeo, liberato dagli ebrei, dalle “razze inferiori”, da tutti gli oppositori e dominato dalla “razza eletta”.

 

PROGRAMMA

14-15-16 APRILE 2014
NORIMBERGA-KZ FLOSSEMBUERG

NORIMBERGA: La città del ‘fascino’ e del terrore del nazismo, della promulgazione delle leggi razziali, del processo ai criminali nazisti, della nascita dei Diritti Umani

KZ FLOSSENBUERG: Il campo di concentramento nell’Alta Baviera per l’eliminazione tramite il lavoro

LUNEDì 14 APRILE

Cremona-Norimberga

Visita allo ‘Zeppelinfeld’ e al palazzo dei congressi, costruiti per celebrare i fasti del Nazismo

MARTEDì 15 APRILE

Norimberga-Flossenburg

Visita al campo di concentramento dove veniva estratto il granito per le costruzioni dell’architetto Albert Speer e per l’eliminazione dei deportati tramite il lavoro

Cerimonia al campo nella Valle della Morte

MERCOLEDì 16 APRILE

Norimberga-Cremona

Visita all’aula dove fu celebrato il processo ai criminali nazisti (la visita è condizionata dalla disponibilità dell’aula ancora utilizzata dal Tribunale)

Visita al viale dei Diritti Umani

Visita alla città

Nel pomeriggio partenza per rientro a Cremona.