2008-2009

2008-2009

ALSAZIA: DA STRASBURGO A STRUTHOF

‘Diritti umani senza confini’

 

Il Comitato Provinciale per la difesa e lo sviluppo della Democrazia promuove per l’anno scolastico 2008/2009 il  progetto dal titolo “Il futuro ha una memoria. Diritti Umani senza confini. Alsazia: da Struthof a Strasburgo – Viaggio nel cuore dell’Europa”.

A compimento del lungo percorso educativo e culturale realizzato con il progetto “Il futuro ha una Memoria” proposto annualmente nelle sue diverse articolazioni a partire dal 1995, il Comitato Provinciale per la difesa e lo sviluppo della Democrazia propone, come meta per il prossimo anno, Strasburgo e l’Alsazia, quali luoghi simbolo – del superamento dei confini che nella drammatica storia della prima metà del ‘900 sono stati alla base dei due conflitti mondiali.

Per trasmettere ai giovani il significato dei valori posti alla base della nascita dell’Unione europea e della Convenzione europea per i Diritti dell’Uomo, il “Viaggio della Memoria” del 2009 si svolgerà a Strasburgo, al Parlamento Europeo e al Consiglio d’Europa, quale baluardo internazionale della salvaguardia dei Diritti dell’Uomo a partire dal 1949.

Strasburgo, capoluogo dell’Alsazia, è stata scelta come capitale europea perché rappresenta simbolicamente il superamento dei confini. Ancora oggi la società contemporanea multietnica è spesso attraversata da conflitti sociali causati da pregiudizi che costituiscono le barriere che si oppongono alla costruzione di un dialogo interculturale.

Per offrire ai giovani la possibilità di confrontare gli effetti prodotti dall’ideologia razziale e totalitaria posta alla base del nazismo e del fascismo, verranno visitati due luoghi strettamente connessi con le Istituzioni europee, nate al termine del secondo conflitto mondiale, quali simbolo di Pace e di Fratellanza fra i popoli.

La visita al campo di Natzwiller – Struthof, campo di concentramento nazista con annessa una camera a gas per esperimenti, costituisce un momento fondamentale del viaggio, perché i giovani potranno percorrere i luoghi della sofferenza e della morte di coloro che hanno combattuto per la Libertà e di coloro che hanno avuto la sola colpa “di essere nati” ebrei, zingari o omosessuali….

A pochi chilometri da Strasburgo si trova “Le Mémorial de l’Alsace – Moselle” la cui visita costituisce un viaggio nel cuore della storia contemporanea dell’Europa, poiché racconta la tormentata storia dell’Alsazia contesa fin dal 1870 fra la Francia e la Germania. Infatti, la visita al Memoriale dell’Alsazia – Mosella offre la grande opportunità di comprendere la tormentata storia di questa regione di confine, contesa tra Francia e Germania.